Inserimento, previa istruttoria, di progetti e studi degli EE.LL. nel Repertorio Nazionale degli interventi di Difesa Suolo (RENDIS), ai fini della programmazione degli interventi

Breve descrizione procedimento: 
Istruttoria ed inserimento degli Studi di fattibilità tecnico-economica, progetti definitivi ed esecutivi predisposti dagli EE.LL. per l'inserimento nel Repertorio Nazionale degli interventi di Difesa Suolo ai fini della programmazione degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico.
Ufficio competente: 
Responsabile dell'ufficio: 
Responsabile del procedimento: 
Soggetto con potere sostitutivo: 
Modalità per attivare il potere sostitutivo: 
D'ufficio in caso di inerzia o prolungata assenza del Responsabile del procedimento.
Ufficio informazioni: 
Si tratta di un endoprocedimento o un subprocedimento?: 
No
Tipologia del procedimento: 
Altra tipologia
Altra tipologia: 
Inseriemnto elaborati progettuali per richiesta finanziamento
Soggetto competente all'adozione del provvedimento finale o altre modalità di conclusione del procedimento: 
Dirigente
Destinatari del provvedimento finale: 
Comuni
Fonte normativa: 
Fonte: 
Legislazione Nazionale
Descrizione: 
Con il D.P.C.M. 28.05.2015 è stato approvato il documento "Individuazione dei criteri e delle modalità per stabilire le priorità di attribuzione delle risorse agli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico" e con la D.G.R. 8.09.2017 n. 567 i criteri per l'attribuzione delle priorità regionali.
Durata e tempi del procedimento: 
Fase: 
Acquisizione ed inserimento degli elaborati progettuali
Durata: 
30 gg.
Tempi del procedimento: 
30 gg.
Istanza di avvio del procedimento da parte di soggetti esterni all'amministrazione: 
No
Processo informatizzato: 
No
È prevista la richiesta di pareri nel corso del procedimento?: 
No
Il procedimento prevede oneri a carico dei destinatari?: 
No
Rilevanza contabile del provvedimento: 
Nessuna rilevanza
Presenza modulistica: 
No
Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale: 
Strumenti ordinari e straordinari di tutela amministrativa